Manchester perché

first-pic

 

“Gente, vado in Inghilterra. Se trovo lavoro, torno tra sei mesi. Se non lo trovo, prima di Natale sono a casa.”

Era il Novembre del 2008.
Da allora l’Italia la rivedo quando ci vado in ferie.Cos’è successo?
Lo UK, è successo. E per chi ci si è trasferito dietro una promessa simile a quella qua sopra, parola più parola meno, non servono altre spiegazioni.
Perché il Paese che mi ha accolta è strano, tanto. Ma è anche unico. E affascinante. E nella sua frenesia quotidiana e rincorsa all’efficienza, ti costringe a sentirti vivo.
“L’Italia va bene per andare in ferie”, mi venne detto una volta da una connazionale radicata qua da trent’anni, “il nostro Paese purtroppo ha ancora tanto da imparare”. Oggi so che quella signora aveva ragione.
La speranza di poter avere un giorno nel mio Paese tutto quello che l’Inghilterra mi sta dando, però, resta dura a morire.
Nessuno può dimenticarsi mai di casa propria. Nel frattempo, mi godo quello che ho nel posto in cui me lo sono conquistato.

Annunci

2 pensieri su “Manchester perché

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...