Ma il cielo è sempre più blu… quando riesci a vederlo

image

Ieri sera sono andata in centro.
Ormai succede talmente di rado che bisognerebbe stappare una bottiglia di Bollinger, quando mi capita.

Ieri sera sono andata in centro e mi sono ritrovata a fare il giro del 31 per arrivare all’Arena. Ho dovuto attraversare mezza Salford, grazie a tutte le vie chiuse, e sono tutte chiuse perché nell’ultimo anno il City Centre di Manchester è diventato una fabbrica di San Pietro.
Cento metri e, voilà!, palizzata. Cinquanta metri e, here you go!, betoniera. Trecento metri e, hoopa!, senso unico alternato.
E non ci scordiamo la signorina perbene del Garmin, che mi ricorda ogni due sterzate di girare a destra, suvvia, per favore, gira, torna indietro, insomma ti decidi a passare da quella via chiusa, magari sfondando le transenne???
E io sono lì, che chiedo l’aiuto del pubblico per uscire dal gorgo su Deansgate e non travolgere l’ennesimo volpino che, preso dalla frenesia delle 6, si butta col semaforo rosso in mezzo a un incrocio a 4 corsie.

I neologismi da Oxbridge che partorisco in casi come quello meriterebbero di ricevere un Nobel per l’inventiva.
Se la signorina perbene della Garmin – Emily, nel mio caso – sapesse cosa le augura quest’italiana ogni volta che lei la fa perdere per le viuzze della vecchia Manchester, cambierebbe subito mestiere.

Insomma, un’ora – e 20 km – dopo essere uscita dall’ufficio, finalmente arrivo a destinazione. Bacio il volante, parcheggio sotto quell’aborto che chiamano Abito e la gente che abita in case normali chiama invece gabbie per criceti, scendo. Alzo la testa e mi ritrovo circondata dai cantieri. Palazzo di 21 piani quasi completato a ridosso del canale. Palazzo di 15+ piani in arrivo nel 2016 proprio nel punto in cui ho piazzato le gomme della mia scatoletta italica. Progetto per palazzo di 20 piani affianco all’Arena in fase di valutazione. E questi in aggiunta al grattacielo in programma sullo strapuntino di terra di fronte alla Haçienda (praticamente DENTRO il canale) e al nuovo polo commerciale materializzatosi in First Street (alle spese dello sputo di verde che dava un po’ di sollievo dall’incombenza della Beetham Tower).
Per non parlare poi dei due mostri apparsi lungo Regent Road, affianco al Sainsbury’s, o delle scatole di legno che sono spuntate alla periferia nord di Ancoats. Tutto nel giro di pochi mesi, un anno al massimo.
image

In poche parole, ogni volta che manco dal centro e ci torno, io mi sento come Sam Tyler che si risveglia nel 1973 e si ritrova davanti a una Manchester ancora tutta da costruire – ma all’inverso, nel mio caso.

Manchester sembra voler far fronte alla richiesta immobiliare togliendo del tutto l’aria dai polmoni del centro. Quello, o qua quando piove crescono palazzi invece che fiori. Una benedizione per l’economia, per carità, ma diavolo ce lo meriteremo pure di vedere un pezzetto di cielo quando alziamo gli occhi dal marciapiede? Di avere palazzi di massimo, toh, 10 piani?
Evidentemente no.
Chi ha bisogno di respiro, quando si può fare concorrenza a Londra tirando su una Manhattan in soli 50kmq?
E, soprattutto, chi ha bisogno di un aeroporto che offra dei collegamenti con l’Europa come Cristo comanda, quando ti capita di vivere nella città più cool di tutto il nord-ovest?
Che stia diventando cool non lo nego. La prima volta che varcai il ponte di Stretford Road, nel 2009, mi ritrovai in mezzo a una discarica. Oggi ci sono uffici e accomodation universitarie da panico e gli affitti sono raddoppiati. Ma dovrebbero cominciare a lavorare sul serio sui suoi collegamenti con l’Europa.

Ora, io non chiedo lo stesso numero di voli al giorno verso l’Italia che offre Londra, ci mancherebbe. Ha quattro aeroporti grossi, lei. Noi uno solo, roba da fare tenerezza. Non chiedo 100 voli al giorno, ma 10 magari si? Specie considerando che non sto chiedendo voli su Rimini o Perugia – anche se ho voluto provare a dare una possibilita’ ad Ancona. Sto chiedendo voli su Bologna o Roma. DIRETTI. E diretti, di solito, significa senza passare per la Spagna.
Invece niente.
Troppo complicato.
Vado su SkyScanner e mi ritrovo davanti questo:

image

Ed è solo una delle strabilianti combinazioni che mi sono state offerte. C’è un volo su Ancona con cambio a Madrid del costo di 1240 pound che mi rifiuto perfino di considerare come reale.

Mi sa che faccio prima a piedi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...