Quei miti musicali da sfatare

girl-bacon

Stamattina in macchina ascoltavo un CD di vecchi MP3 per tenermi sveglia e ad un certo punto è saltata fuori Love is all around, versione dei Wet Wet Wet. E niente, come sempre io ho messo su il sorriso dello Stregatto. Perché una s’immagina che quando scrisse la frase love is all around me il cantante avesse in testa l’amore tra due persone, l’amore che c’è nell’aria e che fa impazzire gli ormoni, le corse sui prati dei figli dei fiori, eccetera eccetera.
Invece no.
Ad ispirare la strofa d’apertura della canzone fu la pancetta. Unta, sfrigolante. Grassa.
Reg se ne stava soffriggendo un paio di fette una mattina quando il pitone nello stomaco gli fece partorire I feel it in my fingers, I feel it in my thoughts. Chissà da quanto la bramava, ‘sta pancetta, il vecchio Reg.
Quindi sì, gente. Love is all around è dedicata alla pancetta. Lo ha detto lui. E a me da quel giorno s’è smontato un mito, ma alla fine chi ha detto che anche quello per il bacon non è amore, alle volte? Chi siamo noi per giudicare?

C’è poi Tears in Heaven di Clapton. Tutti conosciamo la dedica struggente al figlioletto morto. O pensavamo di conoscerla. E invece anni dopo ti esce l’autobiografia dove viene fuori che non era nata per il figlio. Era stata ispirata da Many rivers to cross di Jimmy Cliff. E vabbé.

E Nan’s Song di Robbie Williams? Vogliamo parlarne? Qualcuno ha registrato le facce di noi, poveri stranieri che ignoravano il significato della parola “nan”, quando a un concerto Robbie disse che era dedicata a sua nonna? Dopo quello, chi è più riuscito a metterla su senza farsi venire il magone al pensare a sua nonna e al video strappalacrime della canzone?
Per non parlare del trauma avuto quando scoprii che nei Jefferson Airplane c’era una donna.
“Ma come, Juana, non lo senti che la voce della vocalist è quella di una donna?”
No. È ovvio che non l’avevo capito. Scusa, ma ti pare una domanda da fare a una che viene da un Paese in cui esistono i Cugini di Campagna?
Sono andata su YouTube a cercare Anima Mia. L’ho messa su. E indovinate un po’ chi era sotto choc a quel punto?
Noi italiani, sempre originali.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...